Ritratto Savonari

Baldo Savonari

Savonari > Testi > rivisitazione analitica battaglia

Rivisitazione analitica della "Battaglia" di Paolo Uccello

di Francesco Maria Veròla
pittore nell'anno della luce e del colore

Appartengo a quella stretta cerchia di persone che ha veduto nascere l'opera e poi, dopo un lungo periodo di intenso lavoro e di episodici ripensamenti, quasi miracolosamente completata. Ciò che subitamente mi ha colpito è stato il legame indissolubile tra l'armonia di una danza e l'impeto di una battaglia.
La sensazione dinamica scaturisce da quattro fughe prospettiche delle quali solo quella centrale resta indubbiamente la cerniera armonica della Composizione.
La concezione spaziale invece rispecchia un tutto in un perenne movimento e divenire così come nell'Universo, legato a traiettorie ben precise studiate in modo da tessere una maglia geometrica entro la quale, dinamica, colore e forma si sposano come gli strumenti vari nella sfera magica di un concerto.
Si tolga un solo mattone all'opera o lo si aggiunga ed essa crollerà.
La potenza e la freschezza della composizione è contaminabile solamente con le "parole" di colui che non riesce ad esserne partecipe o non lo vuole.
Lo penso che se il maestro Paolo di Dono, in arte Paolo Uccello, così simpaticamente proiettato nel futuro, fosse vissuto nel nostro tempo, avrebbe dipinto la "sua battaglia" non troppo dissimile da quella del Savonari, nella quale l'Artefice ripropone in chiave ultramoderna accenti futuristi e cubisti fusi con raffinata perizia a quei rigori tanto cari allo splendore del Rinascimento.
Sicché, per usare una frase di Piero Gobetti, possiamo ben dire che "il colore diventa il suono della Vista". Quest'opera, che io considero del Terzofuturismo e battezzo "ATOMICO"(*), rivela la massima realizzazione dello spirito artistico del Savonari pronto sempre a nuove trasformazioni e avvenimenti, indispensabili per il fluire miracoloso e il rinnovarsi dell'Elemento di ispirazione.
La geometria della composizione, la scelta dei colori nei loro accostamenti lo spirito stesso dell'opera si esaltano nell' inveramento della loro formula unitaria.
Non posso dar torto al maestro quando un giorno, mentre ammiravo alcune delle sue innumerevoli tele, mi disse:
"Non potrei e non saprei a nessun costo dipingere un duplicato di un mio soggetto: primo per un fatto di serietà professionale e poi perché per quell'opera la musa è ormai passata".

Agosto 1986

(*) ATOMICO perché rappresenta e significa la vera natura delle "cose" in continuo movimento e trasformazione.
Anche coloro che promossero il movimento futurista avrebbero potuto chiamarlo "ATOMICO", ma non lo hanno fatto!

Battaglia

Visite pagina: 5810

Ultima modifica:
23/12/2012 21:57:13

Valid HTML 4.01! Valid CSS!